mercoledì 17 ottobre 2007

Roma tifa Lazio dal 1900

Oggi la Gazzetta dello Sport, il prestigioso quotidiano sportivo che ha recentemente aperto ai suoi lettori 8 nuove pagine sullo sport romano, ha pubblicato un articolo sulla LAZIO FEMMINILE, la più titolata delle squadre di calcio in Italia, a firma Francesca Paoletti. Li ringraziamo per lo spazio gentilmente concesso, ma vorremmo ribadire un concetto che non emerge dall’articolo in questione. Questa è una gloriosa sezione della Società Sportiva Lazio, e se alcune delle sue atlete hanno nel calcio maschile simpatie giallorosse, ciò non dovrebbe stupire, perché tra atleti e atlete di squadre senza alcun collegamento fra loro e che portano il nome Roma, esistono tante e tanti tifosi della Lazio.
Come nel cinema l’attore Russel Crowe celebre interprete del Gladiatore tatuato sulla spalla di Francesco Totti ha simpatie biancocelesti, così tanti giocatori di calcio della Roma tifavano per la Lazio (vedi Roberto Muzzi). Queste ragazze invece portano tutte con orgoglio e con onore la loro maglia biancoceleste e hanno combattuto aspramente, in derby accesissimi, lo scorso anno le rivali giallorosse subendo anche notevoli infortuni , come ci ricorda il Vice Presidente Fabio Di Marziantonio, che tiene a ribadire il fatto che aver scelto Angelo Peruzzi come testimonial e sponsor del sodalizio , un Campione del Mondo con l'aquila sul petto, ma soprattutto un esempio vero di sacrificio per questi colori e di Lazialità, conferma ulteriormente la passione dei dirigenti della Società per i colori bianco e celeste.
Tra l’altro ci pregiamo di notare, nella pagina accanto un altro bell’articolo a firma di Alessandro Catapano su Fulvio Bernardini, che nel 1932 è stato capitano della Nazionale Italiana e ricorda la figlia Clorinda: primo romano in assoluto a vestire la maglia azzurra. Sarebbe stato importante anche scrivere con quale maglia giocava Fuffo all'epoca del suo e­sordio il 22 marzo 1925. La maglia della sua prima squadra, per chi non lo sapesse, era quella biancoceleste, anche perché l’A.s. Roma non esisteva ancora.

1 commento:

comunità interattiva del blog della Lazio Femminile